Sicurezza dei più piccoli in auto: le ultime novità

/, Slider/Sicurezza dei più piccoli in auto: le ultime novità

Sicurezza dei più piccoli in auto: le ultime novità

A cura di Alessandra Greco – www.birbamamme.it

Utilissimi e obbligatori dal 1 luglio 2019 in Italia sono i sistemi anti abbandono per scongiurare i fenomeni frequenti, soprattutto in estate, di bimbi dimenticati in auto quando fuori ci sono 40 gradi e dentro il veicolo ancora di più, con le inevitabili terribili conseguenze.

L’art 172 del codice della strada è stato modificato con l’inserimento del comma 1bis: «Il conducente dei veicoli delle categorie M1, N1, N2 e N3 immatricolati in Italia, o immatricolati all’estero e condotti da residenti in Italia, quando trasporta un bambino di età inferiore a quattro anni assicurato al sedile con il sistema di ritenuta di cui al comma 1 ha l’obbligo di utilizzare apposito dispositivo di allarme volto a prevenire l’abbandono del bambino, rispondente alle specifiche tecnico-costruttive e funzionali stabilite con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti».

La violazione dell’obbligo prevede che venga comminata una sanzione da 81 a 326 euro e, in caso di recidiva in un periodo inferiore a due anni, è prevista la sanzione accessoria della sospensione della patente da 15 giorni fino a due mesi.

Sono tanti i dispositivi già in commercio (potete trovarne una panoramica su www.cercaseggiolini.it), come Remmy, che è stato uno dei primi usciti sul mercato. È un sensore compatibile con tutti i seggiolini con la doppia funzione di “alert” che vi segnala se il bambino si sposta o non è in posizione corretta, e “remind” per ricordarvi di recuperare il bebè se mai accidentalmente scendeste dall’auto senza portarlo con voi.

L’ultimo arrivato in casa Inglesina è poi Ally Pad, anch’esso collegabile via bluetooth allo smartphone tramite app scaricabile su AppStore e Google Play: manda un segnale sonoro e visivo nel caso ci si allontani dal veicolo.

pubblicato da |2019-07-26T11:24:55+00:0013-Ago-2019|0 Commenti

Scrivi un commento