Rimedi naturali per rilassarti e ricaricare le energie

///Rimedi naturali per rilassarti e ricaricare le energie

Rimedi naturali per rilassarti e ricaricare le energie

 

Lavoro, bambini, marito e mai un momento per te stessa? La vita della mamma è scandita da ritmi frenetici… Ogni giorno e nei periodi di difficoltà prova queste naturali soluzioni per placare lo stress e riconnetterti con te stessa.

1. Quando hai un momento libero, passalo a contatto con la natura. Nei giorni in cui senti la mente offuscata, per riuscire a fare un po’ di chiarezza e ritrovare il benessere, vai in spiaggia e lancia qualche ciottolo in acqua, fai una passeggiata al parco, siediti su un promontorio e guarda il panorama, ascolta il canto degli uccelli, cerca di interpretarlo! Tanti studi dimostrano come trascorrere del tempo nella natura sia in grado di abbassare lo stress fino al 20%. La medicina giapponese, inoltre, si serve del metodo Shinrin – yoku che significa “bagno nella foresta” e considera i sorprendenti effetti benefici della natura sulla salute. I sostenitori di questo metodo hanno dimostrato la forza guaritrice della natura, in grado di abbassare i livelli di cortisolo (ormone associato allo stress), ridurre la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la depressione. Il cinguettio degli uccelli, il profumo delle piante, l’azzurro del mare… sono in grado di riconnetterti con le tue radici primordiali.

2. Togliti le scarpe e cammina a piedi nudi. Naturalmente non dovrai farlo sempre, ma ogni tanto è giusto che provi a cogliere i suoi benefici. Oltre ad alcune tribù lontane, oggi nel mondo sono tante le persone che sostengono il Bare Footing, pratica nata in Nuova Zelanda approdata poi negli Stati Uniti, diffusasi con il tempo in Europa, Italia compresa, dove coloro che si sono disfatti delle scarpe vengono chiamati gimnopodisti o nati scalzi. Tra i vantaggi del camminare a piedi nudi c’è l’abbassamento dello stress, l’aumento delle energie, un senso di libertà fisico e mentale, la maggior consapevolezza dei 5 sensi, il miglioramento dell’equilibrio. È stato anche suggerito che i piedi nudi in contatto con il suolo, l’erba e la sabbia aiutano a scaricare gli ioni negativi. Quindi non basta togliersi le scarpe e camminare sul pavimento, per avere un riscontro positivo da questa pratica dovrai camminare su una superficie naturale!

3. Avere esperienze sensoriali. Quando ti senti sopraffatta, difficilmente concentri la tua attenzione nei confronti dei suoni, della sensibilità della tua pelle, nel profumo delle pietanze… In momenti di tensione, dovresti dedicarti a delle esperienze sensoriali piacevoli, come un bagno caldo al profumo di lavanda, un massaggio con oli essenziali, ma va bene anche una visita al museo, per dare ai tuoi occhi la possibilità di osservare qualcosa che sia visivamente piacevole (anche un paesaggio naturale!). Questo tipo di attività ti permetteranno di abbassare la tensione e rimetterti, poco a poco, in contatto con te stessa e con l’ambiente intorno a te.

4. Respira profondamente. Nella cultura orientale la respirazione è considerata un aspetto importante della vita: si insegna e si impara a respirare per auto-realizzarsi, per calmare la propria voce interiore e tornare alla pace. Nei paesi occidentali invece si respira in modo automatico e superficiale, e solo quelle poche persone che meditano sanno che una buona respirazione acquieta il sistema nervoso, agendo sul centro delle emozioni e dei desideri. Dà modo di governare le emozioni come il timore, la collera, la timidezza, la paura… Non ti diciamo di iscriverti ad un corso di Yoga, anche se potrebbe essere molto utile, ma semplicemente di provare a respirare più profondamente nei momenti di confusione mentale, quando il mondo sembra assalirti. Ascolta il suono del tuo respiro, allontanati dal rumore, concentrati su te stessa. L’attenzione verso il respiro può aiutarti a fermare quel treno in corsa carico di pensieri che c’è nella tua mente, riportandoti qui e ora.

5. Piangi. Piangere aiuta a scaricare lo stress e a dimostrarlo sono diversi studi. Versare lacrime di felicità, tristezza, paura, frustrazione, ansia, dolore e tutta una serie di altre emozioni, allevia la tensione e favorisce il rilascio di endorfine, sostanze chimiche prodotte dal cervello, dotate di una potente attività analgesica e eccitante, in grado di ridurre il dolore e migliorare l’umore. È normale piangere anche davanti ai figli, a volte. Sei umana ed è giusto che tu esprima le tue emozioni in modo naturale, insegnando nello stesso tempo ai tuoi bambini che è importante vivere liberamente il proprio stato d’animo.

pubblicato da |2020-07-28T14:35:30+00:0015-Lug-2020|0 Commenti

Scrivi un commento