Ora di togliere il pannolino? L’esperienza di Se lo dice una Mamma

//Ora di togliere il pannolino? L’esperienza di Se lo dice una Mamma

Ora di togliere il pannolino? L’esperienza di Se lo dice una Mamma

A cura di Silvia Viali, seguila su Facebook @ Se lo dice una Mamma

Ciao mamme,
ben trovate, è finalmente arrivata la bella stagione e piano piano passerà il raffreddore, la tosse e si tornerà a giocare all’aria aperta. Questa primavera trova me e Carloleone di fronte a una grande sfida: lo spannolinamento. A settembre andrà alla scuola materna e regola vuole che per accedere i bambini non portino più il pannolino.

Non sono spaventata in realtà, come per ogni passo della sua crescita lasceremo che sia tutto il più naturale possibile.

Sarò sincera, Carloleone ha iniziato a fare i suoi bisogni sul riduttore che aveva 8 mesi, al primo segnale lo sedevo, la faceva, era contento.
Ovviamente non capiva cosa facessimo e penso che forse aveva solo sollievo di non sentirla nel pannolino.
Purtroppo non ho dato seguito a questa pratica perché sono tornata a lavoro e nonna e nido non avevano di certo tempo e pazienza per continuare.

Il pediatra si è comunque raccomandato di non forzare il bambino e di aspettare i due anni di età prima di iniziare a togliere il pannolino, questo perché i bambini iniziano ad avere il controllo degli sfinteri e quindi a trattenere o rilasciare i propri bisogni.
Dando uno sguardo online sui gruppi delle mamme, invece, lo spannolimanento va da 1 anno ai 3 anni, ci sono bambini che in 3 giorni hanno risolto e bambini che non erano pronti e che ci sono riusciti solo dopo un mese.

Fatta un’idea generale sull’argomento io sto procedendo in questo modo:

Ho acquistato il libro “Luca usa il vasino”, uno dei tanti titoli inerenti al tema pannolino e vasino. Esiste anche la versione femminile “Sara usa il water”. Ci sono immagini di mutandine, vasino e dei vari bisogni, un racconto semplice ma diretto. Lo leggiamo spesso ed è interessante notare come Carloleone accosti i suoi “successi” in bagno a quelli del protagonista del libro; ho notato inoltre che mi ha iniziato a chiedere le mutandine che ha visto nel libro.

Lato pratico: abbiamo già da tempo riduttore per il water e vasino, ho da poco acquistato un urinatoio da attaccare con le ventose a un mobile o al muro.

– Ho comprato anche delle mutandine, ma per ora preferisco tenere pannolino a mutandina (ce ne sono di tante marche: Coop, Toujours, Huggies, Pampers, ecc.)

Per ora mi avverte per i bisogni “più impegnativi”. Per lui è un gioco, mi prende per mano, arriviamo in bagno, si tira giù il pannolino mutandina, si leva i pantaloni, prende la scaletta, mette il riduttore, si siede e vuole che leggiamo insieme un libricino degli animali che teniamo lì accanto.

Quando ha finito mi dice tutto contento “Mamma, cacca e pipì, dillo a Babbo Natale” e così annuncio a voce alta a Babbo Natale i bisogni di Carloleone.
Per la pipì invece non mi avverte sempre, ogni tanto mi dice pipì e andiamo al bagno, si spoglia, la fa nell’urinatoio che poi svuota e lava da solo nel bidet.

Lo so fa un po’ ridere, ma questo piccolo rito ha creato in lui un abitudine che spero ci aiuti.

Spero di avervi aiutate con queste informazioni, se vi va parliamone insieme su Facebook @selodiceunamamma, vi aspetto!

pubblicato da |2019-10-04T12:48:41+00:0025-Set-2019|0 Commenti

Scrivi un commento