“Il latte materno è la migliore medicina per i neonati prematuri. Ecco cosa dico in ospedale a tutte le madri preoccupate. Dentro di loro hanno il potere di aiutare i loro bambini. D’altra parte, se la madre non è in grado di produrre latte, sono convinto che suo figlio non debba essere privato dei suoi benefici unici. La soluzione più adatta è quindi ricorrere a una donatrice”.

Così ha dichiarato il prof. Guido, primo Presidente della European Milk Bank Association e Presidente dell’Associazione Italiana Banche del Latte, che sta sviluppando un macchinario per la pastorizzazione rapida e a temperatura elevata che permetterà di mantenere inalterate proteine essenziali, oligosaccaridi, ormoni e altre proprietà bioattive del latte umano.