Istinto del nido: tu ce l’hai?

//Istinto del nido: tu ce l’hai?

Istinto del nido: tu ce l’hai?

Hai notato dentro di te un amore, quasi un’ossessione, che cresce sempre di più negli ultimi mesi? No, non verso il pancione! Verso l’aspirapolvere! Allora fai parte di tante donne incinte che sentono l’impulso irrefrenabile di tirare a lucido la loro casa, durante la gravidanza. Per alcune, il famoso “istinto del nido” si manifesta con un semplice desiderio di mettere un po’ di ordine in casa; per tante altre, invece, la gravidanza rappresenta un periodo delle infinite “pulizie di Pasqua”…

Ad ognuna il suo!

“Durante la gravidanza, mi ero imposta una tabella di marcia “militaresca”: alle 6,30 – la doccia; alle 7 in punto – la colazione”, racconta Benedetta, mamma di Giacomo. “Poi pulivo la casa da capo a piedi, smontando e rimontando le maniglie dei cassetti… senza tralasciare nulla… Trovavo sempre le cose da fare, come riorganizzare gli album delle fotografie… Questi compiti non solo mi sembravano normali, ma diventavano più importanti del resto”. E per Annamaria, 23 anni, l’istinto del nido si è manifestato con l’impulso irrefrenabile di stirare, quando aspettava suo figlio Giovanni. “Mi sembrava che il mondo mi crollasse addosso, se non mi affrettavo a stirare immediatamente il bucato appena ritirato dallo stendino… Doveva essere impeccabile! Stiravo persino la cinta dell’accappatoio…”. Invece, una cucina nuova, un bagno nuovo e una nuova cameretta erano le necessità di Elisabetta, 34 anni, che ha costretto suo marito a ritinteggiare tutta la casa e ricomprare tutti i mobili…

Un istinto preistorico

Tutte le creature del mondo, piccole e grandi, si preparano all’arrivo della primavera: insetti, uccellini, tutti gli animali, insomma, hanno la necessità di preparare il “nido”, prima di dare alla luce un cucciolo o per deporre le uova. Allora c’è una spiegazione biologica?
Perché le donne incinte sono ossessionate dall’organizzazione e dalla pulizia? L’irrefrenabile desiderio di pulire, sistemare, aggiustare, acquistare cose per il neonato… istinto di nidificazione (o l’istinto del nido) tra le donne incinte ha un retroscena evolutivo! Questo istinto trova radici nelle nostre origini più lontane e rimanda alla donna preistorica che è in noi, una donna che fa di tutto pur di far trovare al suo cucciolo un ambiente sicuro e più accogliente possibile.

I ricercatori canadesi della McMaster University suggeriscono che questi comportamenti, caratterizzati da insolite esplosioni di energia e di un desiderio ossessivo di riorganizzare la casa, sono il risultato di un meccanismo finalizzato alla protezione del bambino che deve nascere.
Non solo pulizie e vestitini per il bebè! L’istinto del nido rende le prossime mamme più selettive nelle persone di cui si circondano, preferendo passare il loro tempo con persone di fiducia. Una cosa normale, perché avere il controllo sull’ambiente è una caratteristica fondamentale in vista al parto, comprese le decisioni su dove avrà luogo la nascita e chi sarà insieme alla mamma a dare il benvenuto al neonato.

“Nidificazione non è un’attività frivola”, afferma Marla Anderson, autrice principale dello studio. “Abbiamo notato che l’apice della nidificazione avviene nel terzo trimestre in concomitanza all’avvicinamento alla nascita del bambino”. Si tratta dunque di un compito importante che probabilmente serve allo stesso scopo nelle donne così come in altri animali.“Ci lega al nostro passato ancestrale: fornire un ambiente sicuro aiuta a favorire il legame e l’attaccamento tra mamma e bambino”, spiega Anderson.

“Uno dei paradossi apparenti dell’istinto del nido è che nel terzo trimestre di gravidanza le donne spesso riferiscono una maggiore stanchezza pur mostrando allo stesso tempo un aumento dell’attività”, spiega Mel Rutherford, il professore del Dipartimento di Psicologia, Neuroscienze e Comportamento alla McMaster University. Si capisce bene quanto l’istinto del nido sia una forza motivante molto potente.

pubblicato da |2019-04-29T13:01:45+00:0008-Mar-2019|0 Commenti

Scrivi un commento