Uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Genetics, e condotto dai ricercatori del National Defence Medical Center di Taipei, ha messo in evidenza come i bambini esposti al fumo di sigaretta dei padri, mentre sono ancora in grembo, sono più propensi a sviluppare l’asma.

Monitorando 756 bambini per sei anni (tra questi uno su quattro era stato esposto al fumo di sigaretta dei padri mentre erano ancora nella pancia della mamma) hanno osservato che, quando hanno raggiunto i 6 anni, il 31% di coloro i quali i padri avevano fumato durante la gravidanza hanno sviluppato l’asma, rispetto al 23% dei bambini i cui padri non fumavano.

Inoltre, per i bambini i cui padri fumavano oltre 20 sigarette al giorno il rischio era più elevato rispetto ai figli di chi ne fumava meno di 20 (passava infatti dal 31% al 35%).

Attenzione, quindi, fate smettere di fumare anche chi vi sta accanto!