Combatti l’acidità gastrica in modo naturale

///Combatti l’acidità gastrica in modo naturale

Combatti l’acidità gastrica in modo naturale

Una cattiva digestione, che spesso in gravidanza si presenta come disturbo, può portare con sé un “bel corredo” di altri fastidi che dallo stomaco risalgono su a ondate… I reflussi acidi, i bruciori di stomaco e i problemi digestivi in generale, sono un problema frequente soprattutto verso la fine della gravidanza. Non preoccuparti, questi disturbi scompaiono quasi sempre appena dopo il parto. Per ora però puoi alleviarli in modo naturale. Prima di tutto, evita gli alimenti che provocano acidità. L’elenco dei nemici del tuo stomaco è lungo: pomodoro, formaggio fuso, farinacei, cioccolato, aceto, caffè e bevande gasate. Prediligi invece i cibi come la banana, il riso integrale ed il tuorlo d’uovo e limita i liquidi!

Argilloterapia

• Come antiacido immediato, se l’acidità aumenta, un buon rimedio sintomatico è costituito dall’argilla verde ventilata. Assumila ingerendone una punta di un cucchiaino sciolta in poca acqua.

• Se l’acidità gastrica si presenta di frequente, per evitare di assumere troppa polvere di argilla (che può indurre stitichezza), usa l’acqua d’argilla verde ventilata. Preparala la sera, versando un cucchiaino di Argilla verde ventilata in un bicchiere di acqua, mescolando bene con un cucchiaio di legno (non metallico), e lasciala decantare tutta la notte. Bevila a piccoli sorsi, secondo la necessità, lasciando il deposito che resta sul fondo del bicchiere. Poiché l’argilla è anche cicatrizzante, può prevenire eventuali infiammazioni della mucosa gastrica.

Altri rimedi:

• Anche la liquirizia è un buon digestivo e antiacido, ma si deve utilizzare in quantità limitata e non di continuo, per evitare l’au mento della pressione arteriosa, specie se si è già tendenzialmente ipertesi.
• Esistono poi preparati contenenti bicarbonato naturale, abbinato ad estratti liofilizzati di piante officinali (Camomilla, Liquirizia, Aloe vera), succo di patata e mucillagini di Orzo, che rappresentano un comodo rimedio sintomatico pronto all’uso.

pubblicato da |2018-06-27T09:56:37+00:0027-Giu-2018|0 Commenti

Scrivi un commento