Quando si diventa genitori compaiono paure e timori legate alla capacità o meno di saper destreggiarsi e accudire il neonato. All’inizio si può avere addirittura paura di non sapere come tenerlo in braccio o sollevarlo. Sono comprensibili, specie nei primi giorni. Tranquilla, tenere in braccio tuo figlio diventerà presto per te la cosa più naturale del mondo. L’importante è farlo sempre con molta delicatezza e tranquillità, parlando dolcemente al bimbo, in modo che lui si senta al sicuro. Per il bebè, infatti, il contatto con i genitori è fondamentale!

Prenderlo in braccio
Soprattutto nei primi tempi, il piccolo trascorrerà molto tempo in posizione supina, quando ad esempio dovrai prenderlo per allattarlo o cambiargli il pannolino, dovrai tirarlo su. Dovrai fare questa operazione molte volte durante la giornata. Dovrai farlo con una certa delicatezza, anche se, in genere, un neonato è molto più robusto di quanto si possa pensare. Non bisogna mai prenderlo in braccio con eccessiva disinvoltura e soprattutto non bisogna mai scuoterlo.

Se devi prendere il tuo piccolo mentre sta dormendo, sarebbe bene svegliarlo dolcemente, prima di tirarlo su. Se, nel prenderlo, manifesti una certa insicurezza, il bimbo percepirà il tuo impaccio e probabilmente piangerà. Parlagli piano e con tanta dolcezza, oppure accarezzagli una guancia, prima di tirarlo su. Quando ti accingi a prendere in braccio il tuo bambino, piega un po’ in avanti la schiena, inclinandoti verso di lui e poi sollevalo.

1
Bisogna sostenere il collo e il sederino Essendo troppo piccolo non ha ancora sviluppato le capacità di controllare i muscoli del suo corpo per questo motivo è importante dare sempre un valido sostegno alla testa. Piegati verso il tuo bambino e fai scivolare una mano dietro alla sua testa e al collo, mettendo l’altra mano sotto al suo sederino. Nel fare ciò, potrai far passare la mano, indifferentemente, sotto alla schiena del piccolo o sotto alle sue gambe. Se gli parli dolcemente, il bimbo si sentirà rassicurato e sarà senz’altro più tranquillo.

2
Inizia a tirarlo su con molta dolcezza Stando ancora inclinata in avanti, comincia a sollevare il piccolo, assicurandoti che la testa sia rannicchiata comodamente all’interno della tua mano. Continua a parlargli e stabilisci un contatto visivo costante con lui, mentre lo sollevi piano piano. L’importante è farlo con calma e dolcezza.

3
Sollevalo all’altezza del tuo torace. Riprendi a questo punto una posizione eretta e, girando il corpo del piccolo in modo che sia parallelo al tuo, avvicinalo al tuo torace. Cerca di tenergli la testa un po’ sollevata, rispetto al resto del corpo.

4
Tienilo tra le braccia. Mentre avvicini il piccolo a te, fai scivolare la mano che sorregge il sederino sotto l’altro tuo braccio. Fai in modo che la testa del bambino sia ben sistemata nell’incavo del tuo braccio e il resto del suo corpo lungo la lunghezza del tuo braccio. Usa l’altra mano come sostegno extra.