Allergie mamma e nascituro: l’importanza dei probiotici in gravidanza

/, Salute, Slider/Allergie mamma e nascituro: l’importanza dei probiotici in gravidanza

Allergie mamma e nascituro: l’importanza dei probiotici in gravidanza

A cura di MioDottore e della sua specialista Ginevra Menghi Barone, allergologa e omeopata

I probiotici meritano una menzione in quanto il loro uso durante la gravidanza non solo fa bene alla mamma, ma può essere anche in grado di proteggere il nascituro dal rischio di sviluppare allergie: la loro somministrazione nell’arco del primo anno di età può ridurre del 50% l’incidenza di allergie nei neonati ad alto rischio.

Nello specifico, alcuni ceppi probiotici influenzano l’ecosistema batterico vaginale e mantengono un livello di pH adeguati prevenendo infiammazioni e infezioni (vaginosi batteriche e vaginiti micotiche) che aumentano in maniera importante il rischio di aborto, parto pretermine e complicanze post-partum o possono incidere sul normale sviluppo del feto.

I benefici per il nascituro sono molteplici:

  • la somministrazione alle future mamme di alcuni ceppi probiotici durante la gravidanza abbassa del 9% il rischio di eczema nei bambini;
  • se l’assunzione prosegue durante l’allattamento e lo svezzamento la probabilità di sviluppare malattie atopiche si riduce ulteriormente del 15% e del 5%;
  • l’assunzione di probiotici prima e dopo il parto è in grado di evitare anche l’insorgere di allergie alimentari e riniti, così come può ridurre significativamente la durata e l’impatto delle infezioni respiratorie, prima che i sintomi diventino cronici;
  • se si interviene precocemente sulla microflora intestinale, attraverso i probiotici in fase prenatale si contribuisce a proteggere il piccolo anche da numerose forme allergiche (dermatite atopica e rinite allergica).

Bisogna, tuttavia, prestare molta attenzione ai probiotici scelti in quanto le loro proprietà sono specifiche per singoli ceppi batterici. Tra quelli caratterizzati dal maggior livello di evidenza scientifica, il Lactobacillus Rhamnosus GG, il Lactobacillus paracasei, il Lactobacillus reuteri e il Bifidobacterium lactis.

Alcuni probiotici infine possono essere utilizzati dalla futura mamma già prima della gravidanza per migliorare la sintomatologia legata alla rinite allergica.

pubblicato da |2019-05-17T15:20:34+00:0017-Mag-2019|0 Commenti

Scrivi un commento